Sito non attivo. Questo sito non è aggiornato e contiene informazioni storiche fino alla data del 30 giugno 2017. Per ulteriori aggiornamenti clicca qui

News

Tra superstizione e credenze:19 agosto 2010, “scade” dopo 100 anni, la “maledizione” contro il Genoa.

19 agosto 2010

Per chi ci crede. Fu lanciata da una contadina disturbata dalla costruzion e del Ferraris…..(Ansa)

Dita incrociate e oggetti scaramantici in bella evidenza, almeno fino alla mezzanotte di oggi, quando scadra' la maledizione lanciata contro il Genoa da una contadina che proprio 100 anni fa si vide privata della luce del sole sui suoi orti dal costruendo stadio di Genova. ''Genoa, non vincerai nulla per i prossimi cent'anni; non vedrai piu' la luce delle vittorie, cosi' come io non vedo piu' la luce del sole'', sarebbe stato l'anatema lanciato 

 

Storia vera o leggenda, sta di fatto che i tifosi rossoblu' attendono con ansia la fine della maledizione, inseguiti dall'ironia e dagli sfotto' dei 'cugini' blucerchiati.

  

La vicenda, passata di bocca in bocca tra i vecchi sostenitori del Grifone, e' tornata a galla ogni volta che eventi straordinari, ovviamente in negativo, si sono abbattuti sul Genoa: scudetti persi in modo rocambolesco, partite disgraziate, tragedie personali, retrocessioni, cambi di proprieta'.

 

Cosi' da 100 anni, da quel 19 agosto del 1910, quando la decisione di costruire lo stadio Luigi Ferraris indusse il marchese Musso Piantelli, socio e tifoso del Genoa, a cedere una parte dei terreni che circondavano Villa Piantelli, oggi sede di riunioni della tifoseria.

Il mutamento urbanistico della zona causo' effetti negativi soprattutto per una anziana contadina che viveva dei prodotti del suo orto, confinante con i terreni di Villa Piantelli, e che si vide cosi' costruire lo stadio nei pressi di casa. Da qui l'anatema lanciato contro il Genoa.

 

 

Del resto la maledizione legata a Villa Piantelli, costruita nel 1500, vide negli anni crescere racconti a meta' strada tra la fantasia e la cronaca. Non ultima la spedizione, nel 1933, di un gruppo di camalli alla ricerca di presunti fantasmi. Le cronache del tempo narrano di una fuga ingloriosa del gruppo, preso a schiaffi nel buio da mani ignote. (Ansa)