Sito non attivo. Questo sito non è aggiornato e contiene informazioni storiche fino alla data del 30 giugno 2017. Per ulteriori aggiornamenti clicca qui

News

Storie vere da dimenticare

29 ottobre 2013

“Non passi la palla a mio figlio”: Bimbo schiaffeggiato in campo. L’episodio durante un derby tra due formazioni Esordienti di Nardò.

 

 Il piccolo calciatore di 10 anni è stato aggredito al termine della gara dai genitori di un suo compagno di squadra

Lo hanno “accusato” di non aver passato la palla al figlio, suo compagno di squadra, negli Esordienti (dai 10 ai 12 anni) e poi, dopo la sconfitta, dalle parole sono passati ai “fatti”: la mamma lo ha strattonato, il padre addirittura lo ha schiaffeggiato.

L'episodio, accaduto a Nardò  la scorsa estate, potrebbe finire in Tribunale dopo la denuncia formalizzata nei giorni scorsi dai genitori del bimbo schiaffeggiato. La vicenda risale al 12 agosto scorso a Nardò, in occasione del torneo Junior Cup, riservato alle categorie Primi Calci, Pulcini, Esordienti e Giovanissimi, cioè bambini e ragazzi dai 6 ai 14 anni.

Quel giorno si fronteggiavano due compagini neretine con gli spalti gremiti di genitori, fin troppo “presi” dalla partita. Alla fine dell'incontro, valevole per la categoria Esordienti, mentre i ragazzi si stavano allontanando dal terreno di gioco, uno di loro era stato prima strattonato per il braccio da una donna e poi addirittura schiaffeggiato da un uomo. I due sono stati identificati: sono i genitori di uno dei bambini in campo, lui 63enne di Milano, lei 50enne originaria di Nardò, arrivati in Salento per trascorrere le vacanze. Hanno aggredito il ragazzino

perché “colpevole” di non aver passato la palla al figlio, nonché di aver con la sua “scarsa prestazione”, contribuito alla sconfitta della squadra dove i due bambini giocavano.

Il parapiglia, sedato dall'intervento della Polizia, è finita in Commissariato dove nei giorni scorsi è stata formalizzata dai genitori della vittima una querela per lesioni personali, refertata dai sanitari del pronto soccorso con una prognosi di due giorni.

 

da Repubblica.it