Sito non attivo. Questo sito non è aggiornato e contiene informazioni storiche fino alla data del 30 giugno 2017. Per ulteriori aggiornamenti clicca qui

News

Leva 1997: Don Bosco Spezia – Genoa 0-5

14 novembre 2009

I Giovanissimi di Bianchi inanellano il 5° risultato utile consecutivo.

Sembrava un campionato iniziato male. Poi , dopo le prime due sconfitte, la risalita. Perentoria e determinata con 5 risultati utili di fila, attraverso 4 vittorie e un pareggio. Che portano i grifoncini 97 nel campionato Giovanissmi C a quota 13 punti.

Insomma, per gli alllievi di Andrea Bianchi, è cominciato un altro film. E ora, in diversi temono il brusco arrivo  del Genoa cfc ai vertici della classifica.

Oggi a La Spezia, contro l'onesta e volenterosa Don Bosco, ce n'è stata una riprova. Forse anche perchè consapevoli di trovarsi di fronte una squadra in effettiva crisi di risultati, visto la classifica che li lasciava  ancora a 0 punti, in compagnia della sola Anpi Casassa.

In un “undici” che sta crescendo per gioco e condizione – a iniziare dai portieri che si alternano a difesa della rete rossoblù come Luca Molinaro, Armando Prisco e Stefano Sommariva, curati con attenzione dal preparatore Franco Gagliardi – oggi le cose si sono messe presto assai bene.  E sono emerse, tra la buona prova generale, le prestazioni (e per taluni anche le marcature) di Lorenzo Sciutto  nelle retrovie,  Andrea Gulli centrale catalizzatore del gioco assieme al collega di reparto Filippo  Pili e, in fase offensiva,  la determinazione di Filippo Mandraccio e la prestanza atletica di Samuele Chicchiarelli.

Uno 0-5 fuori casa – per di più in una gornata fredda e umida  non può che dare morale e fiducia per una squadra che sta crescendo di partita in partita. Per la soddisfazione di tutto il team tecnico. completato dal Massofisioterpista Carlo Costa, dal Medico sociale Luca Biglieni, e dal team manager Emilio Tringale.

E sabato prossimo, 21 novembre,un impegno da non prendere sottogamba, ma teoricamente “abbordabile” contro il Castelletto Solferino. Anche se l'orario tardo pomeridiano – alle 18,30 – dovrà far trovare in campo atleti “caldi” e motivati.