Sito non attivo. Questo sito non è aggiornato e contiene informazioni storiche fino alla data del 30 giugno 2017. Per ulteriori aggiornamenti clicca qui

News

Il Presidente Preziosi: preoccupato per presenza tifo ospite per Genoa-Milan

7 maggio 2010

“La società si farà carico di prendere tutte le misure, ma è inutile negare che si rischiano criticità”

Il presidente del Genoa Enrico Preziosi ribadisce oggi la sua ''forte preoccupazione'' per i rischi di scontri tra tifosi in occasione di Genoa-Milan e chiede alle autorita' una ''rivisitazione della situazione''.  

Dopo l'annunciato ritorno a Genova dei sostenitori rossoneri per la prima volta dall'uccisione del tifoso rossoblu' Vincenzo Spagnolo nel 1995, Preziosi spiega: ''Sono fortemente preoccupato e, per le responsabilita' che mi competono, non e'ammissibile nasconderlo nella mia veste di presidente del Genoa''.

''A due giorni dalla gara la preoccupazione che avevo gia' esternato nei giorni scorsi – afferma in una nota all'ANSA il patron rossoblu' – si e' rafforzata ancora a causa dei segnali negativi che si continuano a registrare. Anche le informazioni ricevute nelle sedi ufficiali da parte delle forze dell'ordine non concorrono in queste ore a mutare il mio giudizio critico.

''Sento come un mio dovere di presidente, ma prima ancora come un dovere morale – aggiunge -, appellarmi al senso civico di tutti e al senso di responsabilita' delle autorita' competenti, affinche' ognuno serenamente faccia le sue riflessioni in merito all' ineluttabilita' di un provvedimento che implica oggettivi rischi''.

''Noi tutti, la citta' di Genova, lo sport nazionale e il calcio italiano – dice ancora Preziosi – non meritano di rischiare la cronaca di un'altra pagina nera, perche' il prezzo pagato e' stato il massimo gia' una volta. Come societa' ospitante e organizzatrice dell'evento, pur garantendo l'assolvimento dei compiti ai quali siamo preposti, riteniamo opportuna una tempestiva rivisitazione e una approfondita analisi da parte degli enti interessati, in relazione a una situazione cosi' atipica''.

(ANSA).

 

 

Sito non attivo

 

Questo sito non è aggiornato e contiene informazioni storiche
fino alla data del 30 giugno 2017.

 

Per ulteriori aggiornamenti clicca qui