Sito non attivo. Questo sito non è aggiornato e contiene informazioni storiche fino alla data del 30 giugno 2017. Per ulteriori aggiornamenti clicca qui

News

Tornei Internazionali di Pasqua: trionfo della Cantera rossoblù

21 aprile 2014

Poker di successi per le leve 2000, 2001, 2002 e 2006.

Straordinari successi per la Cantera rossoblù nel lungo weekend pasquale, che alza la coppa del vincitore in ben quattro Tornei Nazionali ed Internazionali.

La Leva 2000, allo stadio Armando Picchi di Livorno, vince il Torneo Nazionale Città di Livorno, che vedeva la partecipazione di società prestigose e dai tradizionali valori a livello di Settore Giovanile, quali Juventus, Fiorentina, Empoli, Milan, Chievo Verona, Livorno, ecc. In finale i rossoblù conquistano il torneo battendo per 2-0 la Fiorentina (gol di Zola e Gibilterra).

Importante successo anche per la leva 2001 di mister Bianchi che a Montecatini vince il Torneo Nazionale Chicco Pisani. I rossoblù, in un importante confronto agonistico che vedeva la partecipazione di Roma, Juventus, Fiorentina, Empoli, Padova e altre compagini, incontrano in finale proprio a Juventus. Gara intensa, vinta con gol di Pellegri e Serpe: Genoa-Juventus 2-0 e il torneo è rossoblù.

Doppia soddisfazione per la leva 2002: vince il Torneo Nazionale Città di Carcare (Savona) dove, dopo le eliminatorie supera la Sampdoria in semifinale 2-1. E nel pomeriggio di lunedì, i ragazzi di mister Ferrera portano a casa primato e coppa, battendo in finale l'Alessandria per 2 reti a 1.

A Genova, invece, la leva 2006 conquista meritatamente il Torneo Nazionale Caravella, arrivando da “vincente” nei turni eliminatori allo scontro finale: e qui, imponendosi nel derby contro la Sampdoria con il secco risultato di 3-0. 

La leva 2003 conquista, invece, un ottimo piazzamento al Trofeo Internazionale Alpi Apuane svoltosi nel triangolo di Lido di Camaiore, Forte dei Marmi e allo Stadio Comunale di Massa Carrara: torneo che vedeva  la partecipazione di formazioni di altissimo livello nazionali ed internazionali, quali, tra le altre, Chelsea, Ajax, Paris SG ed Everton.

Si impone una riflessione.  E' stata una settimana pasquale di grandi motivazioni e risultati proprio nel periodo culminante della stagione quando i valori sportivi si misurano nei tornei nazionali ed internazionali, incontrando i club più blasonati e di maggiore tradizione con strutture ed investimennti importanti a livello sia di settore giovanile che pre agonistico.

La constatazione è che i nostri ragazzi crescono: grazie alla guida di tecnici attenti e preparati e a una direzione competente ed appassionata: quella di Michele Sbravati e dei suoi collaboratori.

E' comprensibile la soddisfazione: una crescita ed una competitività che, a livello nazionale, fa imporre l'attenzione sull'intero Settore Giovanile del Genoa Cfc con uno sguardo curioso al suo futuro.

Quattro Tornei nazionali e internazionali vinti nella sola settimana di Pasqua con le leve 2000, 2001, 2002 e 2006, non sono un risultato da poco, soprattutto perchè risultai “omogenei” e dimostrativi di una crescita complessiva, non di una singola leva: tutto ciò, confrontandosi con le maggiori eccellenze del calcio nazionale e società blasonate come Juventus, Roma, Milan, Torino, Empoli, Chievo Verona, Fiorentina, Padova, Sampdoria e tante altre.  Ma anche la leva 2003 che conclude con un eccellente piazzamento un torneo internazionale con società addirittura di livello “mondiale”.

Non è il solo impegno agonistico che premia e consente al Genoa Cfc di risultare vincitore in tornei di così grande prestigio (ricordiamo che lo scorso anno entrambe le leve 1999 e 2000 vinsero addirittura il Torneo Internazionale Città di Doha in Qatar), bensì anche la dedizione e la passione di tecnici e dirigenti. Così come l'applicazione costante, il senso di appartenenza,  la coesione e motivazione di questi ragazzi.

Tutto ciò dà un senso ancora maggiore al lavoro dell'intero Settore Giovanile e, in particolare, del progetto del Genoa Cfc Scuola Calcio, avviato 6 stagioni orsono. Ed una credibilità e reputazione sempre più elevata.

Grazie a tutti. Ai nostri ragazzi, ai loro genitori, ma anche a tecnici e dirigenti straordinari per la passione e la competenza che dimostrano.