Storia

La prima Scuola Calcio in Italia

Il Genoa Cricket and Football Club è stata la prima società italiana ad aver istituito un settore giovanile: nell’ottobre del 1902 venne infatti fondato dai rossoblù il “vivaio” per giocatori di età inferiore ai 16 anni.
Una iniziativa che darà i suoi frutti negli anni a venire, portando numerosi atleti a vestire la maglia della prima squadra.
Da sempre la Scuola Calcio del Genoa ha ispirato la sua attività a valori che ancora oggi sono un punto di riferimento per tutti i giovani genoani che entrano a far parte della scuola: passione, impegno, lealtà, amicizia.

I migliori valori dello sport per diventare campioni anche nella vita.

storia_squadra

Nel corso degli anni il settore giovanile ha visto protagonisti personaggi che hanno fatto la storia della squadra: dirigenti, allenatori, giocatori.

Anni ‘70

A partire dagli anni ’70 sono usciti dalla scuola giocatori del calibro di Roberto Pruzzo, Stefano Eranio e Franco Rotella.

Rimane ancora oggi una figura mitica il coach Bruno Mainetto, un vero Maestro di Calcio, passato alla storia per la simpatia e la passione.

Sotto il suo “regno” sono cresciuti Andrea Ivaldi, campione europeo Under 19, Matteo Siligato, vincitore del Trofeo Viareggio con la Primavera rossoblù e Federico Ferrando, classe 1986, oggi in forza alla Lavagnese (serie D).

Anni ‘90

Gli anni ’90 sono caratterizzati da un salto di qualità del settore giovanile che viene sviluppato con un approccio più professionistico, senza “tradire” la vocazione educativa e formativa.

Entra in campo Claudio Onori, già titolare del Genoa negli anni ’80, che inizia una intensa attività di scouting che lo porterà a “scoprire” tra gli altri Francesco Renzetti, neo acquisto rossoblù dal Cesena, Silvano Raggio Garibaldi, attualmente nelle fila del Mantova e Domenico Criscito, attuale difensore dello Zenit San Pietroburgo.

Anni 2000

Dopo alcuni anni di difficoltà il settore pre-agonistico del Genoa Cfc ha attraversato, a partire dal 2004 una fase di rinascita e sviluppo testimoniata dai risultati tecnici e organizzativi raggiunti.

Anche l’attività di scouting e selezione è cresciuta molto, ne sono un esempio gli oltre 270 ragazzi testati e gli oltre 500 giovani calciatori monitorati ogni anno dal team di osservatori provinciali, regionali e nazionali su cui la società può contare.

I risultati raggiunti dalla Scuola Calcio del Genoa Cfc sono testimoniati anche dal numero di giocatori passati dal settore pre-agonistico a quello giovanile (una media di 18 atleti per leva ogni anno). A dimostrazione della crescita complessiva del settore oggi sono numerosi i giocatori delle rose rossoblù provenienti dalla scuola calcio.

A partire dal 2008 per la prima volta la Scuola Calcio del Genoa Cfc ha uno sponsor ufficiale: Barabino & Partners. Un altro piccolo primato per la scuola calcio rossoblù, diventata la prima società in Italia ad avere un proprio autonomo sponsor per il settore pre-agonistico.

A far data dalla stagione 2009/2010 è attivo il “Progetto Genoa Future Football”, lanciato dalla scuola calcio rossoblù, in collaborazione con la Fondazione Genoa, per lo sviluppo del calcio giovanile sul nostro territorio.

Nel luglio 2010 ha preso il via il progetto “La Cantera Genoa Cfc Scuola Calcio Barabino & Partners” dedicato ai giovani ed emergenti talenti del pallone. Più in particolare, il Genoa è l’unica società in Italia a poter utilizzare il marchio “La Cantera” per identificare il proprio settore giovanile, un termine di origine catalana utilizzato in Spagna per indicare le giovanili gestite da alcune delle società sportive più famose, come quelle di Barcellona, Real Madrid e Athletic Bilbao.

logo-LaCantera

Il nuovo marchio “La Cantera” ha affiancato il marchio ufficiale della scuola calcio e vuole mirare ad ulteriori significati emozionali quali il senso di appartenenza dei giovani calciatori rossoblù alla più antica scuola calcio d’Italia fondata nel 1902.

La nascita de “La Cantera” rossoblù è avvenuta in concomitanza con la riconquista simbolica e sostanziale del rapporto con il cuore di Genova, grazie al nuovo impianto sportivo Marina Park situato in Via Madre di Dio, a poche centinaia di metri da quella Via Palestro dove, il 7 settembre del 1893, un gruppo di pionieri del calcio di origine inglese fondò il Genoa Cricket & Athletic Club introducendo il gioco del calcio in Italia.

storia-MarinaPark

A ulteriore dimostrazione della crescita organizzativa e strutturale della scuola calcio rossoblù dall’aprile 2011 il settore pre-agonistico del Genoa CFC ha un proprio impianto sportivo interamente dedicato all’attività di allenamento e di formazione interamente brandizzato con i colori rossoblù: il Centro Polisportivo La Sciorba – Sciorba Stadium di Genova il secondo impianto sportivo di Genova per dimensioni, strutture e caratteristiche.
Con questo nuovo impianto sportivo situato a poche centinaia di metri dallo stadio Luigi Ferraris il Genoa Cfc ha rafforzato ulteriormente uno dei suoi valori di appartenenza: il legame con la città e il territorio.

Oltre al campo in erba naturale a 11 i giovani calciatori rossoblù, i tecnici e tutto lo staff del Genoa CFC Scuola Calcio Barabino & Partners possono usufruire di un nuovo campo di calcio a 5 in sintetico con fondo in erba Limonta, un’area tecnica dedicata all’allenamento dei portieri, un magazzino per la custodia delle attrezzature sportive necessarie per gli allenamenti, un ufficio per lo svolgimento delle pratiche amministrative e gestionali, 7 spogliatoi (4 atleti e 3 tecnici/arbitri), un parcheggio dirigenziale e un parcheggio per il pulmino della scuola calcio.

storia-Sciorba-Map