Sito non attivo. Questo sito non è aggiornato e contiene informazioni storiche fino alla data del 30 giugno 2017. Per ulteriori aggiornamenti clicca qui

News

Primavera: Sampdoria-Genoa 1-4

6 giugno 2010

Semifinale col botto. I rossoblù a un passo dalla storia. Martedi, finale per il titolo di Campione Italiano 2009-10. I perchè di un successo.

Appuntamento con la storia per il Grifone, ieri sera a Macertata e replica  – martedì alle 21, sempre a Macerata –  per la finalissima del campionato Primavera TIM 2010. Di fronte la corazzata Empoli. 

Per i grifoncini è la prima assoluta, mai raggiunto ad oggi l'atto finale della final eight.

La partita si sintetizza perfettamente nella standing ovation che il pubblico di Macerata tributa a uno dei tanti eroi di giornata: Chinellato, protagonista del secondo tempo della semifinale. Innanzitutto Ragusa segna il 2-1, di testa su corner di Grea, al 60'.

Poi è Chinellato show: al 66', sempre di testa e sempre sugli sviluppi di un corner, realizza il 3-1 e 7 minuti più tardi si porta a casa una doppietta dopo un'azione personale da applausi. La pressione dei Grifoni non cala neppure sul 4-1. Al 90' tutti in campo a festeggiare! 

Ma c'è qualcosa in più da dire. Nell'estate del 2005, complice le vicende che portarono il Genoa in serie C, anche il settore giovanile ne subì il contraccolpo. Mettendo a risschio il proprio futuro.

Fu fatta una promessa dalla dirigenza: “noi, nel futuro del calcio, ci saremo!”. Ed iniziò un progetto, una costruzione di un percorso che ha subito premiato la storia e l'impegno della più antica società d'Italia, ma anche della Prima Scuola Calcio in Italia (1902)….quando – come diceva  Gianni Brera – “al Genoa si giocava a football, mentre altre squadre si lamentavano ancora perche 'nel prendere a calci il pallone, gli dolevano i piedi. ' ”

In pochi anni il settore giovanile del Genoa Cfc ha conquistato riconoscimenti, risultati, ma soprattutto rispetto, autorevolezza, prestigio, reputazione.

Oggi, giocare nel settore giovanile del Genoa Cfc è un segno di riconoscimento, di distintività. Per valori, passione, tecnica e ambiente. Oggi giocare nel settore giovanile del Genoa Cfc vuol dire un “benchmark” per il calcio italiano. Una scuola riconosciuta – dai pulcini a la Primavera – in cui crescono ragazzi, uomini e atleti.

Merito di chi ci ha investito passione, impegno, competenza, orgoglio. Merito di una gestione manageriale  voluta dal vertice della società e di una proprietà che hanno delegato progetto e programmazionea tecnici e dirigenza con spiccate capacità.

Da lì nasce la vittoria del Torneo Internazionale di Viareggio 2007, un asorta di “mondilae per club” giovanile, la Coppa Italia Primavera Tim 2009, la Supercoppa Italiana Primavera 2009 e, oggi, per la prima volta la possibilità che il Genoa Cfc giochi per il titolo di Campione d'Italia 2009-2010.

Ma non è tutto. E' il movimento che cresce. Solo 4 società in Italia, nell'ultimo triennio, hanno avuto le proprie 3 rappresentanze giovanili – Primavera, Allievi, Giovanissimi – nellle finali nazionali: una di queste  è il Genoa Cfc.

E ancora, sono ben 9 i ragazzi  – nelle 3 rcategorie – ad essere stati chiamati, con orgoglio, a rappresentare l'Italia nelle rispettive Nazionali. Non solo Perin, El Shaarawy, ma tanti, tanti altri.

Nel futuro del calcio, il Genoa ci sarà.

Com'è lontana quell'estate del 2005. Lo avevamo promesso. noi siamo gente di parola.

 

Sito non attivo

 

Questo sito non è aggiornato e contiene informazioni storiche
fino alla data del 30 giugno 2017.

 

Per ulteriori aggiornamenti clicca qui