Sito non attivo. Questo sito non è aggiornato e contiene informazioni storiche fino alla data del 30 giugno 2017. Per ulteriori aggiornamenti clicca qui

News

Preziosi presenta e avvia la nuova stagione

2 giugno 2012

Pietro Lo Monaco al vertice operativo. “Un passo indietro da parte mia, ma ci sarò sempre”. Il ringraziamento ad Alessandro Zarbano.

Un passo indietro. Con l’ambizione di farne uno avanti. Il nuovo corso del Genoa è ufficialmente iniziato. Con la premessa del presidente Enrico Preziosi. “Do il benvenuto a Lo Monaco, che assume la carica di amministratore delegato, con funzioni di direttore generale e responsabilità connesse.

Ho dato seguito a quello che avevo annunciato, dopo il periodo per riflettere. Il mondo del calcio mi ha regalato tante soddisfazioni e delusioni, ora sono consapevole di lasciare il Genoa in buone mani. Per quanto qualcuno la pensi altrimenti, nella mia storia di presidente e imprenditore, ho sempre dato ampie deleghe.

Quanto dureremo io e Lo Monaco, con due caratteri così fumantini? Tutto il tempo del contratto, tre anni e magari oltre. Ci saranno cambiamenti in società. Lo Monaco stabilirà chi sia funzionale tra chi opera attualmente. Ci siamo ripromessi di non navigare per sopravvivere. L’eccessivo tourbillon di giocatori che mi viene rimproverato, nel tempo diventerà un difetto eliminabile.

Certi meccanismi verranno bloccati.

Mi chiedete dei dirigenti? A Zarbano è stata offerta la vicepresidenza, con compiti importanti. Spero che accetti, gli sono riconoscente per undici anni di collaborazione. Capozucca ha ancora il contratto per un anno. Quanto a me, mi vedrete meno.

Non verrò più allo stadio come facevo prima, ho bisogno di staccare dopo una stagione così. Magari una volta al mese, ma mi dovrò impegnare. La voglia non c’è più, non leggetelo come un disimpegno. Se poi dovesse arrivare uno sceicco, ben venga”.

 

Sito non attivo

 

Questo sito non è aggiornato e contiene informazioni storiche
fino alla data del 30 giugno 2017.

 

Per ulteriori aggiornamenti clicca qui