Sito non attivo. Questo sito non è aggiornato e contiene informazioni storiche fino alla data del 30 giugno 2017. Per ulteriori aggiornamenti clicca qui

News

Genoa Primavera, cresce l’attesa per la semifinale

5 giugno 2010

A Macerata, rifinitura per i ragazzi di Chiappino. Previsti numerosi tifosi.

Cresce l'attesa, i ragazzi ne sono consapevoli, Mister Chiappino ancor di più.

Ma per la semifinale del Campionato Primavera prevista per oggi allo Stadio Comunale di Macerata, è previsto l'affluenza di tanto pubblico e nomi importanti.

Innanzituto la dirigenza: dopo Luca Barabino, Mario Donatelli e Michele Sbravati presenti già nei quarti di finale, oggi è la volta anche di Stefano Capozzucca. Al seguito per Macerata anche l'addetto stampa del Genoa Cfc Piewtro Pisano e il team di osservatori qd iniziare da Petrone.

Poi tifosi, tifosi, tifosi che si stanno muovendo pur nella “grande distanza” che separa Macerata da Genova: auto, pullman e, soprattutto tanti genoani del centro Italia. Biglietti disponibili dalle 16,30 presso lo stadio: meglio arrivarci presto onde evitare come a Tolentino e Civitanova Marche che andassero esauriti.

Tra i nomi accreditati quelli di Zeman, Ballardini, Somma, Cavasin, Viscidi, Di Marzio, De Canio, Stroppa, Branca e Rossi. E tanti osservatori e procuratori. Tutti per vedere i gioiellini del calcio del futuro.

E' semifinale, quindi: Contro un'avversaria dalla curiosa divisa a strisce orizzontatli, agonisticamente in crescita, ostica, ma non impossibile, già battuta in campionato (all'andata) e quasi battuta al ritorno (gol al 91' degli avversari).

Chi sa, sa. E' il momento dei forti. El Shaarawy, Doninelli, Bertoncini, Ragusa, Cofie, Boakjie, Terigi, Grea e Perin, come tutti gli altri, ne sono consapevoli. Non resta che aspettare le 18…..anche su Sky Calcio. Perchè i grandi appuntamenti li trasmette anche la tv.

Forza ragazzi!

 

Sito non attivo

 

Questo sito non è aggiornato e contiene informazioni storiche
fino alla data del 30 giugno 2017.

 

Per ulteriori aggiornamenti clicca qui