News

CANTERA GENOA, VIAGGIO IN SICILIA

4 dicembre 2015

C'è che c'è. C'è la Cantera a chilometri zero. Costruita con pazienza da Michele Sbravati e dai suoi, composta di giocatori nati a ‘Zena' o in Liguria. E capace di conquistare, con la leva 2000, il titolo di vice-campione del mondo. (Im)battuta solo nella finalissima della recente Manchester United Premier Cup. E c'è la Cantera che guarda oltre. A talenti da scovare, a raggio più lungo, per portarli in riviera. Percorsi diversi, obiettivi comuni. Le vette di eccellenza raggiunte dal Genoa Cfc Scuola Calcio Barabino & Partners spianano la vista su progetti in fiore per il futuro che verrà. Che siano in Italia o all'estero, come nel caso dell'Academy negli Usa. Nel mirino dei dirigenti ora c'è un viaggio in Sicilia, dove operano qualificati collaboratori. Con l'intenzione di fare attecchire, in un terreno fertile per il calcio il marchio, i valori, le competenze che arredano casa Genoa.

Un viaggio di quattro giorni, la prossima settimana, per osservare in azione decine di giocatori. Passare al setaccio le loro storie. Raccogliere informazioni per la (futuribile) affiliazione di altre società siciliane, che bussano alle porte per accedere ai programmi del Genoa Future Football. Le linee guida sono note. E l'interesse che suscita il modello adottato dal Grifo impone di alzare l'asticella, in termini di sforzi organizzativi. Punto primo per ottimizzare i risultati. Punto secondo per dare testimonianza di quella responsabilità sociale, che il Genoa e i club calcistici professionistici assolvono nella formazione delle nuove generazioni. Insieme al responsabile del GFF Emanuele Crespi, saranno presenti in loco altri addetti di area Genoa, guidati dal coordinatore osservatori per il sud Angelo Aiello. Con la possibilità di visionare una decina di scuole calcio, rappresentanti di tutte le provincie siciliane.